Venezia, Ottobre 2021. La Regione del Veneto aggiorna la procedura VFSA in materia di VAS

La Regione del Veneto ha inizialmente recepito la Direttiva dell’Unione Europea concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente 2001/42/CE del 27 giugno 2001 attraverso la propria legge regionale n. 11/2004, alla quale ha fatto seguito la prima deliberazione della giunta (la n. 2988 del 01/10/2004) contenente i primi indirizzi operativi regionali per la Valutazione Ambientale Strategica (VAS) di piani e programmi. Detta deliberazione è stata successivamente integrata sia sul piano delle procedure applicabili alle tipologie di Piano e/o Programma di competenza regionale, che sotto il profilo della disciplina della VAS per i Piani e dei Programmi diversi da quelli di stretta competenza della Regione, mediante la DGR n. 3262/2006.

Nel triennio 2006-2008 ulteriori modifiche ed aggiornamenti sono intervenuti in ambito di normativa regionale riguardante la VAS fino a quello del marzo 2009, momento in cui la DGR n. 791/2009 ha fornito indicazioni metodologiche e procedurali conseguenti alla modifica alla Parte Seconda del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152, cd. “Codice Ambiente”, apportata dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4.

Dal 1° aprile 2013 è stata istituita la nuova procedura amministrativa di VAS, mentre una delle poche modifiche alla legge regionale n. 11 del 2004 è arrivata dopo quindici anni, per mezzo della LR n. 29/2019.

Più di recente, la Regione del Veneto ha approvato – con la DGR n. 61/2020 – la scheda per la Verifica Facilitata di Sostenibilità Ambientale (VFSA), da sottoporre alla Commissione Regionale per la VAS (che risponderà in 45 giorni) e che di fatto stabilisce una procedura agevolata da utilizzare solo in casi particolari, ovvero:

Da ultimo, esattamente nell’ottobre 2021, la Commissione Regionale per la VAS ha rivisto – con proprio parere motivato n. 259 del 14/10/2021 – alcuni aspetti procedurali ed operativi attinenti la VFSA, escludendo tra l’altro dalla procedura alcune casistiche.

A tutte le ipotesi di trasformazione continuano comunque ad applicarsi le disposizioni di cui al DPR 357/1997 in materia di valutazione di incidenza ambientale VIncA.